FONDAZIONE GIANNI PELLICANI
Info

LA ‘FUGA DEI GIOVANI’ NELLA CITTÀ D’ACQUA

Degli 86.234 abitanti persi dal Comune di Venezia tra il 1981 e il 2022, 57.046 appartengono a Città Storica e litorale.
Prevedibilmente, questa è l’area più colpita dalla “morìa” demografica delle fasce giovani.

Rispetto al 1981, i residenti di età compresa fra 15 e 29 anni sono calati di oltre il 60%, con una perdita di circa 16 mila giovani.
La fascia d’età 30-49 anni è diminuita in 40 anni del 55% (-20 mila abitanti).

Eloquente il dato sulle nascite, scese da 784 a 324 (-58%).

Ma ancora più emblematico è il dato relativo all’indice di vecchiaia, ossia il numero di anziani (abitanti con più di 64 anni) ogni 100 giovanissimi (abitanti sotto i 15 anni). Quaranta anni fa il centro storico ospitava 84 anziani ogni 100 giovanissimi. Ora siamo passati a un ragguardevole rapporto di 369 ultra64enni ogni 100 ragazzi.

Di seguito, l’analisi delle diverse aree della città d’acqua veneziana.

 

SAN MARCO, CASTELLO, SANT’ELENA E CANNAREGIO

Andando più in dettaglio, guardiamo anzitutto alle aree più popolose della Città d’acqua.
Nell’area comprendente San Marco, Castello, S. Elena e Cannaregio, i giovani fra i 15 e i 29 anni sono calati del 63% (- 6.600 soggetti), i giovani adulti fra 30 e 49 anni sono arrivati a quota 6.313 contro i 14.736 del 1981 (-57,2%).

 

L’INDICE DI VECCHIAIA:

Qui l’indice di vecchiaia era già alto anche 40 anni fa: nel 1981 avevamo 153 anziani ogni 100 under15. Oggi però il valore è molto cresciuto: siamo a un rapporto di 338 anziani ogni 100 giovanissimi.

DORSODURO, SAN POLO, SANTA CROCE E GIUDECCA

Una dinamica simile riguarda l’area comprendente San Polo, Santa Croce e Giudecca.
La popolazione compresa tra i 15 e i 49. anni, in quarant’anni, è passata da 16.713 a 6.655 abitanti. Si è quindi ridotta di più di 10mila unità.
In numeri assoluti, la perdita si distribuisce in modo sostanzialmente uniforme tra le fasce 15-29 anni (che passa da 7.358 a 2.564 unità) e 30-49 anni (che passa da 9.355 a 4.091 unità).

 

L’INDICE DI VECCHIAIA:

Anche in quest’area l’indice di vecchiaia era alto già nel 1981, quando si registravano 151 anziani ogni 100 giovanissimi. Ma nel 2022 si è arrivati a più di 356 over64 ogni 100 under15.

LIDO, MALAMOCCO, ALBERONI

Nell’area comprendente Lido, Malamocco e Alberoni la popolazione tra i 15 e i 49 anni si è quasi dimezzata, passando da 9.933 a 5.136 unità.
La fascia 15-39 anni contava 4.064 abitanti nel 1981. Negli anni ’90 comincia il calo, per arrivare a contare 2.102 unità nel 2022.
La fascia 30-49 anni passa dalle 5.869 unità del 1981 alle 3.034 del 2022.

 

L’INDICE DI VECCHIAIA:

L’indice di vecchiaia era quasi in pari nel 1981: 107 anziani ogni 100 giovanissimi. Nel 2022 lo ritroviamo più che triplicato: 376 anziani ogni 100 giovanissimi.

PELLESTRINA E SAN PIETRO IN VOLTA

I residenti tra i 15 e i 49 anni sono più che dimezzati anche nell’area comprendente Pellestrina e San Pietro in Volta.
Nel 1981 le fasce 15-29 e 30-49 contavano un numero quasi pari di cittadini (rispettivamente 1.313 e 1.316).
Il calo comincia negli ani ’90. Nel 2022 si arrivano a registrare 504 abitanti nella fascia 15-29 anni e 717 abitanti nella fascia 30-49 anni.

 

L’INDICE DI VECCHIAIA:

In questa parte della città l’aumento dell’indice di vecchiaia è impressionante: si passa dai 45 anziani ogni 100 giovanissimi del 1981, al dato del 2022 che registra oltre 290 over64 ogni 100 under15: in quarant’anni l’indice si è più che sestuplicato.

MURANO E SANT’ERASMO

A Murano e Sant’Erasmo la popolazione tra i 15 e i 49 anni passa dalle 3.480 unità del 1981 alle 1.597 del 2022.
La fascia 15-29 anni è quella che subisce la riduzione percentuale più forte, passando da 1.619 a 705 abitanti.
La fascia 30-49 anni passa da 1.861 a 892 abitanti.

 

L’INDICE DI VECCHIAIA:

 

Per quanto riguarda l’andamento dell’indice di vecchiaia, anche qui si registra una dinamica analoga a quella vista per Pellestrina, seppure con stacchi inferiori. Nel 1981 vi erano più giovanissimi che anziani (84 anziani ogni 100 under15). Il rapporto si inverte macroscopicamente nel 2022: ogni 100 giovanissimi registriamo più di 357 anziani.

BURANO, MAZZORBO, TORCELLO

A Burano, Mazorbo e Torcello, si registra una forte riduzione della popolazione fra i 15 e i 29 anni: dalle 1.198 unità del 1981 alle 304 del 2022. È il calo percentuale più forte registrabile nel Comune: meno 74%.
Ma anche la popolazione tra i 30 ei 49 anni si riduce di oltre due terzi: dalle 1380 unità del 1981 alle 444 del 2022.

 

L’INDICE DI VECCHIAIA:

 

L’indice di vecchiaia nel 2022 è il più alto del Comune: quasi 500 anziani ogni 100 ragazzi under 15. Ma per quanto sia alto questo valore, è soprattutto il confronto con il 1981 a colpire: nel 1981 il rapporto era nettamente a favore dei giovanissimi, con soli 51 anziani ogni 100 under15. Il valore si è quasi decuplicato.